- Associazione Ohibò -

Loading Events

« All Events

In A State Of Flux Festival 2020 – Ohibò

May 30 @ 9:00 pm - 11:30 pm

Circolo Ohibò e Costello’s
presentano

IN A STATE OF FLUX FESTIVAL

Line up:
COSMETIC [live]
NOVANTA [live]
HUGE MOLASSES TANK EXPLODES [live]
IN HER EYE [live]

DEPO [dj set]

“Nato da un’idea di Davide de Polo dj e musicista attivo nella scena shoegaze/alternative italiana dai primi anni 90 fondatore della band Soon, The Mystic Morning , e del duo The Persuaders Djset e resident dj della serata Brit On Night al circolo Ohibò. Il Flux Festival è liberamente ispirato al glorioso Rollercoaster tour, che vedeva in line-up The Jesus and Mary Chain, My Bloody Valentine, Dinosaur jr. e Blur, portando in giro una sintesi di quella scena che all’estero chiamano “italogaze”: da anni ormai i cultori del genere stravedono per il suono carico di riverbero e fuzz di band come Stella Diana e Clustersun, e scoprono con piacere le molte altre che animano la scena tricolore. Si è anche creato un certo spirito di squadra tra le band, molte delle quali, riunitesi nel Mutiny Collective, si mantengono costantemente in contatto per scambiarsi idee e organizzare eventi.
Il Festival nato nel 2016 ha già toccato nel corso degli anni le maggiori città italiane, quest’anno approderà anche all’estero, a Dublino a maggio e Berlino nel mese di settembre.

In a State of Flux Festival è totalmente autorganizzato dai ragazzi del collettivo Mutiny in collaborazione conuna rete di media partners tra cui Shoegaze Blog e , Shoegazin’ Your Waves’ , con il supporto promozionale di Kool Things – Music Promotions e Divinazione Milano e EVENTI COSTELLO’S.”

30 MAGGIO 2020
Circolo Ohibò – Milano
Via Brembo, ang. Via Benaco, 1 (Milano)

Apertura porte ore 21:00 da via Brembo

To enter the event is needed the ARCI membership card. More info at info@associazioneohibo.it | What is ARCI? www.arci.it
📝 The new ARCI membership card is valid until 30 September 2020
⌨️ We ask you to carry out the pre-registration here >> https://portale.arci.it/preadesione/ohibo/

◆ LIVE ◆

Cosmetic 🇮🇹
Cosmetic è una band nata nei primi 2000 sulle colline romagnole, Sogliano al Rubicone per la precisione, da un gruppetto di amici con una smodata passione per i Nirvana che si comprarono dei veri strumenti nel 1997, ma già facevano le prove come air-band già dal 1996.
Hanno suonato con costanza in tutta la penisola, evolvendosi fino a trovare la propria forma Espressiva congeniale in un noise pop sonico e brillante, cantato in italiano e contaminato da guizzi shoegaze ed emo.
Con più di 300 concerti all’attivo in Italia e qualche apparizione all’estero, hanno condiviso il palco con Dinosaur Jr, The Raveonettes, Warpaint, Amusement Parks on Fire, Marlene Kuntz, Verdena, Empire! Empire! I was a lonely State, Ministri, Fask e molti altri. Li troverete sul palco dell’Ohibò con l’album “Non siamo di qui”.

Novanta 🇮🇹
Il lavoro precedente di Novanta risale al 2016: è “Hello we’re not enemies” (Seashell Records), album numero tre di una discografia che comprende anche altri due ep e svariate partecipazioni a compilation italiane (da quelle di Rockit.it a “Viscere vol. 3”) e internazionali (tra cui i tributi a Cure e Smashing Pumpkins a cura di The Blog That Celebrates Itself). In questi anni Manfredi Lamartina, il titolare del progetto, ha cambiato metodo di composizione e ha allargato la formazione. Novanta infatti non è più un progetto solista, ma una band che comprende anche il batterista Agostino Financo Burgio (all’opera con Nicolò Carnesi, Hank, Moque), la bassista Annalisa Vetrugno (Buckingum Palace) e il tastierista Giuseppe Musto (Il Ragazzo Del Novantanove). Il nuovo ep, “Some are stars” (novembre 2019, Seashell Records), riflette questi cambiamenti. Il suono smette di essere minimale, lo-fi, casalingo: adesso c’è più impatto e pulizia, grazie al lavoro di produzione di Lucantonio Fusaro con Claudio Piperissa e Luca Ferrari al Faro Recording Studio di Somma Lombardo (Varese). Ospiti del disco: Dario Torre degli Stella Diana (voce in “Outside noise”) e Marco Barzetti, alias True Sleeper (voce in “To realize”). Ma che genere è quello di “Some are stars”? Più che shoegazing, ci piace definirlo ceiling-gazing: un mix di dream pop, post rock e synth-wave da ascoltare a volumi bassissimi oppure altissimi. Niente vie di mezzo.

Huge Molasses Tank Explodes 🇮🇹
Gli Huge Molasses Tank Explodes sono una realtà psych rock milanese. La band prende il nome da un titolo del “Boston Post” del 1919, riferito al “Disastro della Melassa” di Boston, dove il 15 gennaio del 1919 un enorme serbatoio esplose inondando di melassa la parte nord della città.
Formati come power duo nel 2013 da Fabrizio De Felice (voce, chitarra, synth) e Gabriele Arnolfo (batteria), la formazione si è rapidamente evoluta nell’attuale formazione di quattro elementi, con
Giacomo Tota alla chitarra e Luca Umidi al basso. Nel 2017 pubblicano per Flying Kids Records il loro album d’esordio omonimo. Nel 2019 la formazione ha visto l’ingresso di Silvia Zaffarano al basso.
Il nuovo album intitolato “II” uscirà il 17 gennaio 2020 per Retro Vox Records.
Il sound degli HMTE si muove tra suggestivi echi kraut rock, influenze shoegaze dei ’90 e sensibilità contemporanea. Con “II” la band allarga il proprio sound arricchendolo con sonorità e sfumature decisamente più dark, mantenendo intatta la vena psichedelica. Nove brani uniti da una matrice di base comune ma con caratteristiche diverse, che condensano sonorità neo-psych e reminiscenze di ispirazione wave e kraut.

In Her Eye 🇮🇹
Nel marasma delle etichette, generi e sottogeneri contemporanei (catalogazioni inutili ma forse necessarie, se vogliamo), gli In Her Eye se proprio devono scegliere, si definiscono “Supersonic New Wave”. Perchè la loro musica nasce dalla New Wave anni ’80, e passa attraverso infusioni shoegaze e soniche degli anni ’90. E perchè, volenti o nolenti, fanno musica nel 2019.
In Her Eye nascono ufficialmente nell’inverno del 2007 quando Aldo Bernuzzi, Giuseppe Galotti e Stefano Schiavella decidono di dare forma ad un progetto che racchiuda in sé le radici del sound che li ha sempre affascinati: un caleidoscopio di suggestioni ed echi della New Wave Anni ’80, unite ad un grande amore per la scena Indie/Noise/Shoegaze degli anni ’90. E ad una passione per la musica basata sui sentimenti e sulle emozioni. Nel 2011 esce il primo disco “Anywhere Out Of The World”, e nel 2014 l’ep “Borderline”. Dal 2015 in poi, la band partecipa a diverse compilation tributo (Ride, Cure, Wire) e prepara il materiale per il nuovo album. Ma c’è anche una grossa novità: Raffaele Bocchetti, già sapiente chitarra degli Stella Diana, si unisce alla band e partecipa attivamente alla composizione e all’arrangiamento delle nuove song. Il nuovo album, Change, un album dedicato al cambiamento, esce il 1 giugno 2018 e riceve una buona accoglienza dalla critica sia in Italia sia all’Estero, entrando nei migliori album del 2018 di PopMatters. E il cambiamento non è solo musicale: entra infatti a far parte della band Antonia Chiara Ciancaglini, già con The Mystic Morning e The Nostalgics, ed il suono si arricchisce di nuove sfumature, suoni e strumenti.

┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅

📍 Ohibò: Via Brembo, ang. Via Benaco, 1 (Milano)
☎️ Info call dalle ore 14 alle ore 19 > 331 80 50 663
📧 costebooking@gmail.com

┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅

OHIBÒ
http://associazioneohibo.it

COSTELLO’S
http://costellos.it

┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅

MEDIA-PARTNERS:

BEAT & STYLE
https://www.beatandstyle.com/)

TBA MAGAZINE

Home

Details

Date:
May 30
Time:
9:00 pm - 11:30 pm
Website:
https://www.facebook.com/events/191385858756634/

Organizer

Ohibò
Email:
info@associazioneohibo.it
Website:
https://www.facebook.com/ohibo.kasba/

Venue

Ohibò
Via Brembo, ang. Via Benaco, 1
Milano, Italy
+ Google Map
Phone:
331 80 50 663