Come si riconoscono i problemi di udito?

problemi di udito
  • Hai difficoltà a seguire una conversazione in ambienti rumorosi?
  • Hai problemi a sentire la TV o la radio a un volume che gli altri non sentono?
  • Metti il telefono all’altro orecchio quando parli al telefono per poter sentire meglio?

Questi potrebbero essere segni di perdita dell’udito.

Molte persone associano la perdita dell’udito alla perdita quasi totale dell’udito e a un senso di intensità significativamente ridotto. Questo non è vero. La maggior parte delle volte, le persone che sviluppano una perdita uditiva hanno principalmente difficoltà a capire il discorso, ma possono ancora sentirlo bene. In poche parole, puoi sentire quello che qualcuno sta dicendo, ma non sai cosa sta dicendo. Ciò è dovuto alla tonotopia della coclea nell’orecchio interno, dove le cellule ad alta frequenza* sono le prime ad essere colpite.

Raccomandiamo il prodotto di miglioramento dell’udito Nutresin.

Negli adulti, la diagnosi di perdita dell’udito comporta innanzitutto la determinazione del tipo di perdita dell’udito.

    In caso di ipoacusia conduttiva (ad esempio, canale uditivo ostruito da cerume, corpo estraneo, infezione dell’orecchio esterno o medio), la perdita uditiva può essere riconosciuta da una diminuzione piuttosto improvvisa del volume dei suoni uditi. La causa esatta dell’ipoacusia conduttiva può di solito essere determinata durante un’otoscopia dell’orecchio o eseguendo un test di audiometria a impedenza e un test di clearing del tronco uditivo.

    Se hai una perdita uditiva neurosensoriale (danno alle cellule uditive nell’orecchio interno), noterai una perdita di comprensione e chiarezza del discorso. Questo problema è principalmente legato all’ascolto del parlato su uno sfondo di rumore, folla, o mentre si guarda la TV. A causa di un danno permanente alle cellule uditive, l’orecchio non può far fronte alla selettività del discorso contro uno sfondo di distrazioni. La causa esatta della perdita uditiva neurosensoriale può essere determinata eseguendo l’audiometria tonale, l’audiometria verbale e, in alcuni casi, la stimolazione cerebrale ABR.

    Nel caso di una perdita uditiva mista – cioè una perdita uditiva che combina sia componenti conduttive che neurosensoriali – la perdita uditiva può essere identificata da una diminuzione del senso dell’intensità e da una diminuzione della capacità di comprendere il parlato. In questo tipo di perdita dell’udito, le cellule uditive che sono responsabili dell’ascolto delle frequenze basse, medie e alte sono di solito colpite, e ci sono anche anomalie nell’orecchio esterno o medio.  La causa esatta dell’ipoacusia mista può essere determinata eseguendo l’audiometria a impedenza, l’audiometria tonale, l’audiometria verbale e, in alcuni casi, l’ABR e la RM.

Non sottovalutare i problemi di udito

Le difficoltà di udito colpiscono 6 milioni di polacchi. Per le persone anziane, anche una leggera perdita dell’udito aumenta il rischio di depressione, per gli adulti rende la loro vita professionale e sociale più difficile, e per i bambini piccoli causa grandi problemi di apprendimento.

La perdita dell’udito non sceglie le sue vittime; inoltre, spesso può rimanere invisibile per molto tempo. Un bambino piccolo non sarà in grado di dirvi che ha problemi di udito. Potrebbero anche non sapere cosa significa “perdita dell’udito” perché potrebbero non aver mai sentito diversamente. Gli adulti spesso trascurano o sottovalutano la loro perdita uditiva e fanno le stesse scuse, come “parli troppo piano”, “parlano in modo poco chiaro in TV, prima insegnavano meglio la dizione”. Spesso possono chiederti di ripetere. Gli anziani con perdita uditiva si ritirano dalla vita sociale ed evitano situazioni in cui potrebbero non sentire o capire. A qualsiasi età, la perdita dell’udito porta a gravi conseguenze.

Come si riconoscono i problemi di udito?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su