- Associazione Ohibò -

Loading Events

« All Events

  • This event has passed.

FAR > Spiral Stairs [from Pavement] + guests

September 27, 2017 @ 7:00 pm - September 28, 2017 @ 1:00 am

BPM ConcertiCircolo OhibòSherpa Live e Costello’s
presentano:

F.A.R.

📣​ ​​live:
main act: Spiral Stairs – Preston School of Industry (from Pavement)
opening act: Canshaker Pi + tba

27 SETTEMBRE 2017
Arci Ohibò – Milano
Via Brembo, ang. Via Benaco, 1 (Milano)

F.A.R.

Fuggire Altre Rotte.
E’ su questo immaginario da esploratori del XV secolo che si muove la passione per la scoperta di nuovi orizzonti musicali di F.A.R., nuova rassegna di Ohibò dedicata al meglio del panorama indipendente internazionale.
Lasciatevi guidare.

e ancora…

dalle 19:00

​🔥 TOSTÒ, la nuova toasteria di Ohibò
→ more to be announced…

​💈 apertura porte ore 19.00
​💲 Ingresso in cassa 12€ + tess. ARCI
​💲 prevendite online su circuito Mailticket Italia a 10€ + d.d.p. a questo link >> http://www.mailticket.it/evento/10573

┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅
​◇​ ​​LIVE​ ◇​

​–main act–

ϟ SPIRAL STAIRS (USA, Domino Records) ϟ
https://www.facebook.com/spiralstairsofficial/

Sono passati otto anni da quando Scott Kannberg, aka Stairs Spiral, ha rilasciato qualsiasi nuova canzone. Lo sa. Gli anni hanno solo l’abitudine di scivolare via a volte.

“The Real Feel” – il terzo album del chitarrista dei Pavement e dei Preston School Of Industry, è uscito nel 2009, mentre i Pavement stavano annunciando un successo straordinario di spettacoli di reunion per il 2010. “Poi, dopo i concerti con i Pavement, mi sono trasferito con mia moglie per andare a vivere in una casa a Brisbane, in Australia “, ricorda l’amabile Scott, di quegli anni di apparente inattività. “Allora ebbimo un figlio con quello che comporta in questi casi. Ho cercato di fare musica, ma all’improvviso passano due anni dopo e mi trovo a tagliare il mio prato e curare il mio giardino”.
Poco dopo, Scott e la famiglia si annoiarono di vivere in Australia e si trasferirono a Los Angeles. “Ho trovato il perfetto set up li, quindi ho iniziato a lavorare. Il modo in cui scrivo canzoni è, “indosso” la mia chitarra elettrica e cammino intorno alla casa suonandola e mi guardo allo specchio” ride ” e semplicemente faccio cose. Poichè il bambino era fuori a scuola per tre ore al giorno, avevo solo un’ora o giù di lì per farlo. Quindi ci è voluto un po ‘di tempo. Era mia intenzione di fare almeno un paio di altri dischi ad oggi, ma le cose sono andate così.”

Non puoi accelerare il genio – nemmeno il genio geniale, non forzato e senza pretese che da tempo è stato il forte di Scott. Quello che è certo è il suo secondo album come Spiral Stairs, Doris and The Daggers, ripaga l’attesa. E’ una delle migliori creazioni in cui Scott è stato coinvolto, e anche una parte della musica più personale e emotiva che abbia mai scritto, riflettendo i cambiamenti della vita avvenuti durante questi otto anni. Durante quel tratto, Scott è stato sconvolto dalla perdita di amici, ha trionfato le gioie della paternità, ha vissuto la vita come un australiano e ha anche mangiato carni di haggis – esperienze che riempiono queste canzoni calde, dolcemente melodiche e fortemente oneste.

“I testi hanno sicuramente un mood più tradizionale, da “cantautore”, concorda Scott. “Sto invecchiando, e la musica che sto ascoltando è spesso più story-based. Amo Paul Kelly, il cantautore australiano – è un grande narratore. Penso che stavo cercando di muovermi un po’ in questa direzione, e verso artisti come Lloyd Cole, cantautori più della scuola Dylan in tutta sincerità. Si è trasformato in un disco piuttosto emozionante, perché il mio batterista è morto appena prima le registrazioni.”

Il concetto originale per l’album era quello di andare agli Orbit Studios di Seattle e “registrare tutto in una settimana, come ai vecchi tempi”. Poi, un mese prima del viaggio, Scott si svegliò con una bruttissima notizia: Darius Minwalla, che aveva suonato la batteria con Preston School Of Industry e su The Real Feel, e che avrebbe dovuto svolgere le sessioni di Seattle, è morto improvvisamente nel sonno.

Scott profondamente scosso dalla notizia, impiegò tre mesi prima che fosse pronto a tornare in studio. In quel momento, l’album era cambiato – le canzoni erano cresciute nel tempo, diventarono più lunghe, più emotive. “Quella idea precoce dell’album era più” garage-rock” di quello che divenne”, dice Scott. Dopo la morte di Darius, Scott andò a trascorrere del tempo con il suo amico, cantante-cantautore Kelley Stoltz, a San Francisco. “La sua influenza mi ha fatto trasformare il disco in una direzione completamente diversa”.

Invece di un blitz di una settimana, Doris and The Daggers sono stati registrati, considerato un paio di sessioni brevi presso gli studi di Exactamundo a Eagle Rock, in California. Matt Harris è tornato al basso, mentre la batteria è stato adottata da Justin Peroff di Broken Social Scene. Il trio ha inciso 30 canzoni in tutto, mentre un certo numero di amici stretti di Scott entrarono per registrare alcuni contributi fondamentali. Kevin Drew ha cantato su Emoshuns, Kelley Stoltz prestò la chitarra per AWM e Matt Berninger dei The National dava voce alla bizzarra, zephyr-light Exiled Tonight. “Matt è un amico”, dice Scott, “e ho scritto quella canzone per la sua voce – mentre stavo scrivendo pensavo, come potrebbe cantarla Matt? E quando gli ho detto della canzone ha detto, “devi cantare questo!” E così entrambi abbiamo cantato”.

Le canzoni spaziano su un ampio specchio di umori e soggetti. Il sontuoso e carismatico “Dundee Man”, un viaggio in Scozia di Scott condotto con il vecchio amico Paul Esposito (“è un diario di viaggio”, dice Scott, “ma è anche un ragazzo che ama, davvero, orgogliosamente la Scozia. E’ una canzone da pub”). ‘Trams (Stole My Heart)’, con le sue visioni melanconiche di tramare in modo insignificante “da città a città”, è una delle folle di canzoni scritte da Scott durante il suo soggiorno in Australia (‘Pig City’ e “Vultures Of Caboolture”, gli altri due capitoli di questa trilogia di Brisbane, si apriranno come B-Sides e vale la pena sentirle). Nel frattempo, l’ansiosa e paranoica narrazione dell’apertura dell’album “Dance (Cry Wolf)” è lievitata da un’atmosfera stomping e ballante, con gli accordi di Scott affiancati con una sensazione di Wire-ish a una Roxy Music, à la David Bowie. “E’ positivo, una sorta di “danza per cacciare via il dolore”, dice Scott.

“The Unconditional” è un inno indelebile e amabile alla figlia di Scott, “una bella creatura, che ho aiutato a crescere”, che “cresce, ora mi dice cosa fare”. “Mi sono sentito nervoso a scrivere quei testi”, ammette Scott, con una risatina. “Ma tutti devono scrivere una canzone sui loro figli, giusto? E io che sto cercando di essere come Van Morrison scrivendo sui suoi figli”. “Angel Eyes” è un saluto agli amici e ai compagni perduti, affascinante ma ottimista e commemora affettuosamente il compagno di battaglia caduto Minwalla -” Little D, un buon amico, le guance rosse a cui le ragazze non potevano resistere” – nel suo terzo versetto. La traccia di chiusura finale – un’esplosione indimenticabile di punk proggy-post, con il suo canto infettivo di “Doris!”, ed il batterista di Shudder To Think batterista Adam Wade, ispirato da una Doris reale, la vecchia padrona di un bar che Scott ha frequentato a Sydney – si chiude con una vignetta goffa narrata da Minwalla, finendo su una nota sconcertante.

“Immagino che sto scrivendo canzoni da un po ‘di tempo”, riflette Scott sul suo secondo album. “Mi piace sentire gli echi delle cose che amo nella musica che faccio. La scrittura della musica non è facile per me – è difficile scrivere una canzone che sia buona. Ma i nostri ricordi lentamente riaffiorano quando invecchiamo, e nelle canzoni si rivive quei momenti, le cose che contano”. E questa è parte della chiave del fascino di Doris and The Daggers, insieme alla spirito lirico e alla sconfinata abilità di Scott nel saluto abbastanza familiare come un amato maglione: queste canzoni sono piene di vita, raccontano storie e un senso di affetto per tutto ciò che accade dentro di loro. Continueranno a tornare di nuovo e di nuovo, e spero che Scott non aspetti tanto tempo per incidere il suo disco successivo.

Ascolta:
https://coolinbysound.bandcamp.com/track/dundee-man

​–​opening act​–​

ϟ CANSHAKER PI ϟ​ ​(NL, Excelsior Recordings)
https://www.facebook.com/pg/CanshakerPi

Ascolta: https://www.youtube.com/watch?v=qkYX8YMM1WU

​​​​​◇​ ​​TOSTO’ ​​​◇​​
info coming soon​

┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅

✗ Ohibò – Via Brembo, ang. Via Benaco, 1 – Milano
✆ Infoline: +39 331 80 50 663
� costebooking@gmail.com

​​┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅

BPM CONCERTI
http://bpmconcerti.com/

OHIBO’
http://associazioneohibo.it/

COSTELLO’S
http://costellos.it/

SHERPA LIVE
https://www.facebook.com/sherpalive

Details

Start:
September 27, 2017 @ 7:00 pm
End:
September 28, 2017 @ 1:00 am
Website:
https://www.facebook.com/events/408583969511212/

Organizer

Ohibò
Email:
info@associazioneohibo.it
Website:
https://www.facebook.com/ohibo.kasba/

Venue

Ohibò
Via Brembo, ang. Via Benaco, 1
Milano, Italy
+ Google Map
Phone:
331 80 50 663