- Associazione Ohibò -

Loading Events

« All Events

Wet Floor [release party] + Zyp in concerto all’Ohibò

December 18 @ 9:00 pm - 11:30 pm

Circolo Ohibò e Costello’s
presentano

WET FLOOR [release party] + zYp

18 DICEMBRE 2020
Circolo Ohibò – Milano
Via Brembo, ang. Via Benaco, 1 (Milano)

Apertura porte ore 21:00 da via Brembo

Ingresso in cassa 5€ + tess. ARCI (obbligatoria)

To enter the event is needed the ARCI membership card. More info at info@associazioneohibo.it | What is ARCI? www.arci.it
📝 The new ARCI membership card is valid until 30 September 2020
⌨️ We ask you to carry out the pre-registration here >> https://portale.arci.it/preadesione/ohibo/

◆ LIVE ◆

Wet Floor 🇮🇹

I Wet Floor sono una band garage-rock nata nel 2005.
Dopo essersi fatti le ossa con concerti nei locali dell’ hinterland milanese ed aver registrato due Ep, nel 2011 la band presenta il primo album autoprodotto dal titolo “L’effetto del curaro”.
Il disco ha portato la band sul palco del Magnolia, del Carroponte, fino alla partecipazione al MEI Supersound.
Il 27 settembre 2014 viene pubblicato il primo lavoro ufficiale, “Profezia in 12 pezzi”, registrato al CRONO Sound Factory di Vimodrone con Simone Sproccati.
Il provocatorio album racconta di come media, religione, politica siano soliti creare degli idoli, far credere che qualcuno meglio di noi sappia guidarci, agire nel modo giusto e dirci come fare.
La “profezia” dei Wet Floor è in antitesi con questo concetto: il ruolo della musica è quello di spronare a dare il meglio, non di imporsi e diventare un nuovo idolo ma essere un incentivo a diventare quindi “profeti di sé stessi”.
All’uscita dell’album segue il tour, che porta la band a suonare su molti palchi della Lombardia (Bloom, Carroponte, Circolo Ohibò tra gli altri), in apertura di alcune importanti band (Gazebo Penguins, Giorgio Canali, Voina, Giorgio Ciccarelli, Canova ecc) ed in alcune date fuori regione.
A metà del 2018 viene presentata una nuova formazione, che vede l’ingresso di Stefano Crippa alla chitarra e Fabio Donghi alla batteria, con la quale iniziano a lavorare al nuovo album.
Il 10 aprile 2020 viene pubblicato un nuovo lavoro, “La città era piena di rumore”, registrato al Toxic Basement Studio da Carlo Altobelli.
Un album intenso, romantico, rock, che racconta il “rumore” di una società sempre più sommersa di stimoli ed informazioni in contrasto tra loro, in cui sentirsi vivi o sentirsi persi.

zYp 🇮🇹

Molte band assomigliano a delle famiglie, ma alcune di più. Gli zYp fanno parte di quest’ultime, perché il loro tempo assieme non si esaurisce in sala prove, ma deborda, finendo nelle case che condividono e negli affetti che provano. Ma per iniziare a conoscere Vitto (voce/chitarra), Gabri (chitarra/voce), Lory (basso) e Fede (batteria), è giusto partire da un altro luogo ancora, che è Barriera di Milano, quartiere torinese nel quale nel 2012, allora 17enni, si sono conosciuti. Che cosa sia, oggi, Barriera, lo avevano già spiegato molto bene in Le Circostanze, brano contenuto nel loro primo Ep “Non sapevamo scegliere” del 2016 e che dice: “Dove vivo io/tante spade in terra/troppi chiusi in camera/tante vite in scatola/Dove vivo io/i giorni non si muovono/mai”. E delle assurde atmosfere di periferia, che a volte sembra una giungla con ciminiere e palazzi come alberi e altre un deserto di cemento, gli zYp continuano a parlare anche in questo nuovo album, che porta il nome della band, ma che allarga lo sguardo anche al mondo, e alla sensazione obliqua che trasmette, oggi che è così massacrato, farne parte. In “zYp” i ragazzi hanno messo le onde, ora dolci ora aspre, dei cambiamenti che non sempre sono scelte, ma spesso sono obblighi; ci hanno messo gli squarci di luce abbagliante che solo certe gioie sanno creare, e i blackout dei momenti di più dura difficoltà. Perché, ed è semplice ma non lo è, gli zYp dicono che “nella musica non solo sveliamo tutto di ciò che siamo, di più: le canzoni sono pezzi di noi”.
Con una ricerca sonora che, sì, parte dal rock e dallo stoner, per poi, però, aver fame di suoni sempre nuovi, tanto da abbracciare psichedelia e blues, e con un artwork firmato da Federico Manzone che, a proposito di mondo, per il singolo Desertica ha composta una grafica potentissima dove affianca i fumi, pur colorati, della città alla potenza dell’Africa e della savana, “zYp” è il salto in avanti di una band che è cresciuta tanto, espandendosi senza perdere il centro. Vitto, Gabri, Lory e Fede hanno una visione della musica tanto pura quanto reale, materica: “Più che una risposta a qualcosa, la musica è stata un’illuminazione. La musica è stata la risposta al desiderio di esprimerci, in un momento delle nostre vite in cui non potevamo o riuscivano a farlo in libertà. Essere noi quattro, in sala prove a suonare come meglio potevamo, era, ed è tuttora, il momento per eccellenza di scambio, di esposizione della propria sensibilità e di confronto su tutto. La musica per noi è festa, gioco, studio, meditazione e terapia”. Ma non sono, o meglio non solo soltanto, tipi da studio, gli zYp, anzi: sarà durante un loro live che, pure se non conoscete nemmeno mezza strofa di una canzone, vi faranno voltare la testa verso il palco per osservare con sempre maggiore attenzione ciò che sta accadendo. Perché la fiamma di suono, energia ed elettricità che sanno innescare quando attaccano a suonare, è provato sul campo, non lascia nessuno indifferente. Quindi sì, ci sono band che assomigliano a famiglie, e ci sono famiglie completamente fuori di testa, ora indovinate da che parte stanno gli zYp.

┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅

📍 Ohibò: Via Brembo, ang. Via Benaco, 1 (Milano)
☎️ Info call dalle ore 14 alle ore 19 > 331 80 50 663
📧 costebooking@gmail.com

┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅

OHIBÒ
http://associazioneohibo.it

COSTELLO’S
http://costellos.it

┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅

MEDIA-PARTNERS:

BEAT & STYLE
https://www.beatandstyle.com/)

TBA MAGAZINE

Home

Details

Date:
December 18
Time:
9:00 pm - 11:30 pm
Website:
https://www.facebook.com/events/184641196098949/

Organizer

Ohibò
Email:
info@associazioneohibo.it
Website:
https://www.facebook.com/ohibo.kasba/

Venue

Ohibò
Via Brembo, ang. Via Benaco, 1
Milano, Italy
+ Google Map
Phone:
331 80 50 663